Budu con il suo allenatore Simone Bortolotti sulla riva del lago di Garda

Concluso con successo l’Ecotour!

ROCCA DI MANERBA (BS), 30.10.2018. Si è concluso ufficialmente ieri a Rocca di Manerba (BS) sulle rive del Garda, l’Ecotour 2018” di Andrea “Budu” Toniolo. Dopo 20 giorni di pedalate, il 29enne padovano ha portato a termine la sua avventura italiana partita il 10 ottobre dal lido di Venezia. Sono in totale 2.200 i km percorsi in bici in 20 giorni, 8 le regioni toccate, 18 mila i metri di dislivello solcati, 10 gli eventi pubblici cui Toniolo ha partecipato durante il tragitto. Purtroppo il maltempo e l’allarme meteo hanno fatto saltare l’ultima tappa del giro, compreso l’evento conclusivo previsto ieri sera a Verona. Toniolo è stato costretto a fermarsi ieri mattina a Rocca di Manerba (BS) dove è stato ospitato dal suo allenatore Simone Bortolotti residente in quella zona. Oggi farà rientro in Veneto.

Il ciclo tour iniziato il 10 ottobre dal lido di Venezia ha portato Toniolo ad attraversare Veneto, Emilia Romagna, Umbria, Marche, Lazio, Toscana, Piemonte, Lombardia. Ferrara, Firenze, Siena, Roma, Torino, Milano sono le principali tappe del ciclo-tour, che ha visto la partecipazione di Toniolo ad una decina di eventi pubblici. Tra questi la presentazione del suo libro nel Comune di Santa Vittoria in Matenano, in provincia di Fermo nelle Marche. Comune colpito dal terremoto del 2016, cui Toniolo ha voluto portare un dono simbolico a sostegno della ricostruzione. Ha donato infatti una copia del suo libro intitolato “Il limite che non c’è” alla biblioteca comunale. Arrivato poi a Roma, ha fatto rientro lungo la Via Francigena. Domenica scorsa è stato ospite degli studi Rai di Milano, dove ha raccontato la sua avventura durante la trasmissione radiofonica “Quelli che… Radio 2”.  “Grazie a tutti quelli che hanno creduto e continuano a credere che un cavallo zoppo come me possa ancora continuare ad attraversare i paesi ed esplorare i territori” ha detto Toniolo al suo arrivo sulle rive del Garda. “Il tema del viaggio è stato quello della sostenibilità. La promozione di un’idea di turismo sostenibili. La sostenibilità come stile di vita e anche come stile d’impresa. Un turismo lento in cui la visita ai luoghi più belli della Penisola si abbina alla conoscenza delle persone che li abitano”. Il tour è stato documentato dallo stesso Toniolo con video, foto, interviste raccolte durante il percorso e condivise sui social e sul suo sito internet  www.budurunner.com

Dal Blog

Rassegna Stampa (sempre in aggiornamento)

Sostieni Budu

In questi anni ho sempre sentito forte il vostro sostegno e supporto. Caponord e tutto ciò che ne è seguito non sarebbe stato possibile senza l'aiuto che mi avete dato. Abbiamo creato un comitato, si chiama Running Alone. Da qui è possibile, se lo vorrete, donare per contribuire alla riuscita delle mie imprese! GRAZIE A TUTTI!
Budu
Donazione
€10
  • in regalo:
  • "Perpetua® la matita" made for Budu
Donazione
€50
  • in regalo:
  • "Perpetua® la matita" made for Budu +
  • il DVD di Caponord +
  • il libro "Il limite che non c'è"!

Perpetua ha realizzato una matita ad hoc per #ECOTOUR, la nuova avventura di Andrea Budu Toniolo. Budu la donerà alle persone che incontrerà durante la sua avventura.

“Chi usa Perpetua consuma e ricicla scrivendo 15g di polvere di grafite, recuperata dai processi di lavorazione industriale, che altrimenti sarebbe finita in discarica sotto terra. Perpetua dunque non è soltanto una scelta di stile nello scrivere, ma anche e soprattutto la scelta di vivere rispettando il nostro Pianeta.”
Scopri di più sul
sito Perpetua

Per ricevere la Perpetua “BUDU edition”, puoi effettuare una donazione qui sopra.

Caponord un documentario di Andrea Budu Toniolo e Alberto Scapin

Andrea Budu Toniolo, runner ventenne passato alle cronache come Forrest Gump Veneto, e il suo viaggio in solitaria dal Veneto a Caponord: 4300 km di corsa trainando un carretto con l’indispensabile per la vita selvaggia (tenda, sacco a pelo, fornelletto da campo), 84 giorni di marcia, 50 km al giorno di media, che il giovane Andrea Toniolo, “Budu” per gli amici, ha documentato istintivamente col suo smartphone e una videocamera portatile. Gli incontri, gli imprevisti, l’ospitalità europea, la vita on the road, i pensieri più intimi e personali: tutto restituisce il senso di questa grande sfida, giocata in primis con sé stesso e i propri sogni, i sogni di un ventenne alla ricerca di un proprio modo di essere nella complessità del mondo odierno. Il materiale video e fotografico è stato in seguito raccolto dal regista Alberto Scapin e arricchito con interviste e attingendo al diario di viaggio di Andrea. Il progetto è stato co-finanziato grazie alla campagna di crowdfunding #TheRunnerDoc.

Per ricevere il DVD, puoi effettuare una donazione qui sopra.

Il limite che non c’è. Dall’Italia a Capo Nord correndo di Andrea Toniolo, Alpine Studio Editore

Nella frenesia del mondo odierno un giovane corre alla ricerca di se stesso e dei propri limiti, pronto a trasformare in energia positiva gli ostacoli che la vita gli ha posto davanti. Un viaggio in solitaria lungo 4500 chilometri per riscattarsi dopo un gravissimo incidente e realizzare ii proprio sogno. Andrea Toniolo, passato agli onori della cronaca come ii “Forrest Gump” veneto, per 84 giorni ha trascinato ii suo carretto attraverso sei nazioni, affrontando la natura selvaggia fino a raggiungere Capo Nord. Un viaggio ricco di fugaci incontri che hanno segnato Andrea aiutandolo ad allontanarsi dalla superficialita dilagante nella nostra societa per riscoprire i valori e le radici della propria esistenza. Una sfida fisica, mentale e spirituale con cui Andrea lancia un messaggio ai giovani invitandoli a inseguire i propri progetti con determinazione e testimoniando uno stile di vita sano e l’importanza del rispetto per l’ambiente.

Per ricevere il libro, puoi effettuare una donazione qui sopra.

Andrea Budu Toniolo

Andrea “Budu” Toniolo, 28 anni di Galliera Veneta (PD), è atleta, corridore ed avventuriero. Dopo un grave incidente stradale avvenuto nel 2012, decide di dedicare la sua vita alla corsa.

Nel 2015 la sua prima impresa sportiva lo vede raggiungere Capo Nord in Norvegia a piedi, partendo da Galliera Veneta (PD). 4.300 km di corsa in 84 giorni, trascinando il suo carretto con l’occorrente per sopravvivere (dormendo in tenda, assaporando la vita all’aria aperta). Un’impresa che gli vale l’appellativo di “Forrest Gump Veneto”.

Menu